La Corte di giustizia di Ginevra chiarisce la portata del dovere di cura della banca nel contesto di una relazione di sola esecuzione, quando il cliente entra in operazioni speculative con leva.

Riassunto: In questo caso, un cliente, trader indipendente ed ex dipendente della banca convenuta, aveva effettuato operazioni di opzioni sull’indice “F”. Queste transazioni erano altamente volatili e con una forte leva finanziaria. Durante la crisi finanziaria del 2008, l’indice “F” ha perso il 30% del suo valore. Ciò ha comportato uno scoperto totale di CHF 1’345’302.45 sul conto del cliente. La banca ha chiuso la relazione bancaria e ha preteso che il cliente pagasse il saldo finale a debito. Il cliente ha chiesto senza successo un risarcimento in base al fatto che la banca aveva violato il suo dovere di diligenza in una relazione di sola esecuzione. Dopo essere stato respinto, il cliente si è appellato alla Corte di giustizia. La Corte di giustizia non ha riscontrato alcuna violazione del dovere da parte della banca, ha dichiarato il ricorso infondato e ha confermato la sentenza del tribunale inferiore.